WORLD

WORLD

IN RICORDO DI MIA MADRE

IN RICORDO DI MIA MADRE
IN RICORDO DI MIA MADRE

IN RICORDO DELLA SECONDA MADRE

IN RICORDO DELLA SECONDA MADRE
IN RICORDO DELLA SECONDA MADRE

IL MIO NUOVO BLOG :

ROMANTIC LOVE MYSTERIUM

Translate

Cerca nel blog

9/27/2017

PENSIERI E PAROLE : il grande Lucio Battisti eseguito dalla filarmonica Borgognoni

Lucio Battisti fa parte della leggenda della musica italiana. Le sue canzoni sono conosciute da tutti (si consiglia di leggere il seguente articolo 10 motivi per cui non finiremo mai di amare Lucio Battisti). 
La filarmonica Borgognoni della mia città esegue PENSIERI E PAROLE.


MYSTERIUM



Pensieri e parole/Insieme a te sto bene

"Pensieri e parole"/"Insieme a te sto bene" è il 10º singolo di Lucio Battisti, uscito il 4 maggio 1971 per la casa discografica Dischi Ricordi.

 

Il disco

L'immagine di copertina del singolo è tratta dalla stessa session fotografica in cui vennero scattate le fotografie per l'album Amore e non amore, realizzate dal fotografo Silvio Nobili.

 

Successo

Il singolo fu il 1º più venduto del 1971 in Italia.
Andamento nella Hit Parade italiana
Settimana Posizione
1 29 maggio 1971 3
2 5 giugno 1971 1
... ................ 1
15 4 settembre 1971 1
16 11 settembre 1971 3
17 18 settembre 1971 5
18 25 settembre 1971 6
19 2 ottobre 1971 6
20 9 ottobre 1971 9

 

Pensieri e parole

La peculiarità del brano sta nell'intreccio di due melodie distinte, le quali sono prima cantate separatamente per poi fondersi successivamente e nella seconda strofa. Lo stesso ritornello prevede un impasto vocale nella seconda metà dello stesso. Le due voci suggeriscono, dal titolo della canzone, l'accavallarsi dei pensieri e delle parole durante un confronto tra due innamorati in un momento cruciale della loro relazione.
Lo stesso Battisti ha interpretato il motivo in playback, durante la trasmissione televisiva Teatro 10, sovrapponendo due immagini di sé per ciascuna delle parti vocali.

 

Versione con coda orchestrale

Del brano Pensieri e parole esiste un'altra versione diversa da quella pubblicata nel singolo e nella maggior parte degli album o delle raccolte, della durata di 5 minuti e 14 secondi (contro i 3 minuti e 55 secondi della versione più diffusa). Tale versione è identica a quella nota, ma alla fine del brano si aggiunge una coda orchestrale realizzata dall'arrangiatore Gian Piero Reverberi e da Battisti stesso. Questa versione è stata pubblicata nelle antologie Tutto Battisti (1975), Profili musicali nº 21 (1982) e Il meglio di Lucio Battisti (1984); oggi non si trova più in commercio.

 

Cover

Nel 1991 Mia Martini con Maurizio Giammarco incide sia la versione studio nell'album tributo Ci ritorni in mente, sia la versione live in Mia Martini in concerto (da un'idea di Maurizio Giammarco).
Nel 2007 Massimo Ranieri ne interpreta una versione nel suo doppio CD Canto perché non so nuotare...da 40 anni. Il brano è il tredicesimo del secondo CD.
Il 16 dicembre 2011, il comico Maurizio Crozza ne ha eseguito una cover satirica, intitolandola Il finanziere e l'evasore. Nella versione, trasmessa nel corso del programma Italialand sulla rete televisiva LA7, Crozza impersona un militare della Guardia di Finanza che duetta con un evasore fiscale. Alcune parti della canzone parafrasano fedelmente il testo originale messo in musica da Lucio Battisti.

 

Testo Pensieri E Parole

Che ne sai di un bambino che rubava
e soltanto nel buio giocava
e del sole che trafigge i solai, che ne sai
e di un mondo tutto chiuso in una via
e di un cinema di periferia
che ne sai della nostra ferrovia, che ne sai.
Conosci me la mia lealtà
tu sai che oggi morirei per onestà.
Conosci me il nome mio
tu sola sai se è vero o no che credo in Dio.
Che ne sai tu di un campo di grano
poesia di un amore profano
la paura d'esser preso per mano, che ne sai
l'amore mio
che ne sai di un ragazzo perbene
è roccia ormai
che mostrava tutte quante le sue pene:
e sfida il tempo e sfida il vento e tu lo sai
la mia sincerità per rubare la sua verginità,
sì tu lo sai
che ne sai.
Davanti a me c'è un'altra vita
la nostra è già finita
e nuove notti e nuovi giorni
cara vai o torni con me.
Davanti a te ci sono io
dammi forza mio Dio
o un altro uomo
chiedo adesso perdono
e nuove notti e nuovi giorni
cara non odiarmi se puoi.
Conosci me
che ne sai di un viaggio in Inghilterra
quel che darei
che ne sai di un amore israelita
perché negli altri ritrovassi gli occhi miei
di due occhi sbarrati che mi han detto bugiardo è finita.
Che ne sai di un ragazzo che ti amava
che parlava e niente sapeva
eppur quel che diceva chissà perché chissà
si tu lo sai
adesso è verità.
Davanti a me c'è un'altra vita
la nostra è già finita
e nuove notti e nuovi giorni
cara vai o torni con me.
Davanti a te ci sono io
dammi forza mio Dio
o un altro uomo
chiedo adesso perdono
e nuove notti e nuovi giorni
cara non odiarmi se puoi.

9/06/2017

Umorismo - film : ALTRIMENTI CI ARRABBIAMO


...altrimenti ci arrabbiamo! 

 in ricordo di Bud Spencer






...altrimenti ci arrabbiamo! è un film del 1974 diretto da Marcello Fondato, con la coppia Bud Spencer e Terence Hill.
Il filo conduttore è una dune buggy rossa, modello costruito dalla Puma, che assurge a "pomo della discordia" della vicenda.

Trama

Ben e Kid, amici ma rivali, sono un meccanico e un camionista accomunati dalla passione per le corse automobilistiche. Vincitori, a pari merito, di una frenetica gara di rallycross, ricevono in premio una dune buggy nuova. Non potendo dividerla, decidono di giocarsela. Kid propone una gara a birra e salsicce, così i due vanno in un locale del vicino luna park per disputarsi il trofeo. 

La sfida viene però interrotta da una banda di scagnozzi al servizio de Il Capo, uno speculatore edilizio intenzionato a demolire il luna park per far posto alle sue costruzioni. Gli uomini distruggono il locale. Usciti, Ben e Kid si imbattono in uno dei malintenzionati, che sperona la loro dune buggy (in foto sotto) facendola incendiare.



Decisi a pretendere una nuova Dune Buggy, Ben e Kid vanno al locale ristorante del Capo, che sembra propenso ad accordare la restituzione, ma vengono dissuasi dal suo braccio destro, il Dottore: uno psicologo freudiano di origine tedesca.
Ben e Kid decidono di seguire un tirapiedi del capo, mentre si reca con due ragazze al luna park, per dargli più volte una dimostrazione della loro forza e delle loro determinazione a volere indietro la dune buggy. I due inseguono lo scagnozzo all'interno di una palestra, dove stendono a cazzotti l'intera gang.
Il Capo e il Dottore allora mandano una banda di una dozzina di motociclisti per consegnare una fantomatica Dune Buggy inesistente, seguendo le vicende in collegamento radio. Ben e Kid inizialmente stanno al gioco facendo finta di apprezzare la finta Dune Buggy, ma poi la situazione degenera e finisce con un inseguimento in moto in cui la banda di motociclisti ha la peggio.

Il Capo decide quindi, su consiglio del dottore, di assoldare Paganini, un taciturno e spietato killer proveniente dagli Stati Uniti che, con un fucile nascosto nella custodia di un violino tenterà di sbarazzarsi definitivamente dei due. 

Dopo aver provato inutilmente a sorprenderli in officina, Paganini segue i due in teatro, dove Ben sta tenendo le prove del "Coro dei Pompieri"...